ETHEREUM VS BITCOIN: LA CRIPTOGUERRA

Ethereum: la valuta digitale destinata a spodestare il Bitcoin?

Il 2017 si è appena concluso, ed è stato l’anno del Bitcoin, dove le criptovalute sembravano solo cose da nerd e lontane dall’economia reale; il 2018, anno appena iniziato, si prospetta invece quello delle criptovalute in genere, perché sempre più investitori e risparmiatori cominciano ad interessarsene grazie al loro altissimo potenziale di guadagno. Le criptovalute fanno parlare molto di sé. Sono circa 1.400 in tutto, ma sono poche quelle che possono avere delle prospettive reali. Una di queste è l’Ethereum.

Ma cosa è esattamente? Come funziona? Qual è la sua sostanziale differenza dal Bitcoin?

Cosa è Ethereum

Ethereum è una delle principali avversarie di Bitcoin, alla quale tiene testa con onore. La possiamo trovare al secondo posto in volume di transazioni, e in termini di valore in dollari.

È nata principalmente dalla mente geniale di Vitalik Buterin, giovane russo che aveva l’intenzione di creare una moneta virtuale che non fosse solo tale, ma fosse anche un sistema contrattuale parallelo a quello tradizionale: gli smart contract.

Molti asseriscono che Ethereum sia l’evoluzione dei Bitcoin, essendo

  • strutturata con un sistema di sicurezza molto più solido grazie ad una struttura di condivisione peer-to-peer;
  • le sue informazioni sono gestite da più server e condivise su più nodi, rendendo quasi impossibile agli hacker penetrare nel sistema e modificare i dati.

Poter gestire contratti intelligenti in base ad un protocollo di fiducia, che permette la costruzione di contratti tra due parti, dà un punto a questa criptovaluta, rendendola uno strumento utile e ideale per imprese e società; è versatile in molti utilizzi, non solo come sistema monetario alternativo come invece lo sono i Bitcoin.

Come funziona Ethereum

La prima versione di Ethereum è nata il 20 luglio 2015. Essa offre grandi potenzialità di utilizzo, e la possibilità di fare tutto ciò che si ha sempre sognato, su una rete decentralizzata e crittograficamente sicura.

Nessun utente ha il potere o la possibilità di  manipolare un processo o un programma avviato sulla piattaforma. Il sistema si regola senza bisogno di nessun intervento esterno. Tutto questo rende più sicuro e conveniente ogni smart contract.

I contratti smart pagano mediante l’unità di valuta chiamata Ether per poter girare in una piattaforma p2p. Questa piattaforma si può usare per vari scopi, come ad esempio il crowdfunding, i mercati finanziari, i sistemi elettorali.

Cosa è Ethereum Wallet

È un “passaggio” per le applicazioni sul blockchain (la tecnologia che sta sotto queste monete virtuali) Ethereum. Sostanzialmente un portafoglio, che permette di conservare gli ether attivi e gli altri creati su Ethereum. Da anche la possibilità di scrivere, distribuire e utilizzare gli smart contract.

Le criptovalute attive sono tante, i Bitcoin, Ethereum, Ripple, Bitcoin Cash, Litecoin e altre ancora, ma è fondamentale, per chi vuole investire e crede nelle monete virtuali, sapere che sono solamente nella loro fase iniziale di sviluppo, sia come prezzo che a livello tecnologico. Per questo è fondamentale ponderare il proprio investimento anche nella scelta della criptovaluta: Ethereum sembra pronta per dare battaglia ai Bitcoin anche in questo.

Comments are closed.

Scroll to Top